Studio AG - Area Web

marca e rilascia

La "via" del Tag and Release

E' trascorso più di un decennio da quando il Big Game Italia, in collaborazione con l'americana NOAA (National 0ceanic and Atmospheric Administration) ha varato il progetto Med-Tag, congiuntamente con l'istituto di ricerche Tethys e l'Acquario Civico di Milano, progetto che prevedeva la marcatura e il rilascio ("Tag and Release" vuole dire proprio questo) delle verdesche e più in generale di tutti gli squali nelle acque mediterranee. Da allora, di strada ne h stata fatta parecchia; gli associati del BGI hanno punzonato oltre un migliaio di squali e gli studi realizzati da biologi specializzati in collaborazione con i pescatori sportivi hanno portato alla conoscenza di numerose notizie sulle abitudini e le migrazioni di questi Selacei. Dopo poco si h scoperto come l'alto Adriatico fosse una "nursery area" per le verdesche, ossia una zona frequentata prevalentemente dalle grosse femmine fattrici,dai neonati e dai giovani, che vi trascorrono i primi tempi della loro esistenza. In funzione di questo, sono stati realizzati degli appositi "mini punzoni", ovvero dei tubicini marcatori in plastica e non piy in metallo, da applicare suldorso delle verdeschine al di sotto del metro di lunghezza -frequentissime nel giugno-luglio tra la foce del Po e il traverso di Rimini- dando via al programma più specifico Baby-Shark. Si pur dire che piano piano, e grazie a queste iniziative combinate con una paziente politica di sensibilizzazione all'interno dei clubs nautici dell'Adriatico, buona parte dei pescatori sportivi marcano e comunque rilasciano sistematicamente gli squali azzurri, essendo inoltre a conoscenza del notevole decremento di presenze e la sensibile riduzione della taglia degli squali che si avvicinano alle coste nostrane. C'è infine da aggiungere che in seguito alle esperienze di marcatura sugli squali si sta iniziando a punzonare anche i tonni giganti, ossia la strada che in futuro dovremo seguire con sempre maggiore insistenza, per mantenere vive le risorse della grande pesca alturiera.